attacchi-informatici-andrea-biraghi

Attacchi informatici: cosa ci aspetta nel corso del 2020?

Con gli attacchi informatici in continuo sviluppo le divisioni Cyber e i team di sicurezza devono sempre stare sull’attenti e devono prepararsi per nuovi tipi di minacce e vulnerabilità.

Ma quali sono le situazioni di pericolo reale ahe arrivano dal mondo del Cyber Spazio 2020?

attacchi-informatici-andrea-biraghi

Per comprendere e conoscere le statistiche in tempo reale un utile strumento è la mappa in tempo reale di Kaspersky.

Attacchi informatici e pericoli reali nel 2020

1 – Attacchi Cloud. Alcuni tipi di attacchi recenti sono mirati al Cloud e alle sue applicazioni: le difese perimetrali si sono dimostrate inefficaci. Il risultato nel 2019 è stato l’aumento di incidenti, tra cui la violazione dei dati di Microsoft a causa di un’errata configurazione del database. Ed ecco che l’errore umano torna in campo: i criminali informatici infatti sfruttano più volentieri questa debolezza piuttosto che i difetti tecnici di sicurezza.

Ci si aspetta che il ransomware prenderà sempre più di mira il Cloud, con veri e propri attacchi mirati: i nuovi attacchi nel 2020 utilizzeranno la memoria scraping di dati sensibili durante l’utilizzo da parte delle applicazioni, in particolare in ambienti cloud pubblici, per ottenere l’accesso ai dati durante la decrittografia. Secondo il Threat Lab di WatchGuard, sempre più a rischio sono gli archivi di file, bucket S3 e ambienti virtuali. Intanto le cifre dei riscatti aumentano in modo allarmante. Il migliore modo pere prevenirli? Pratiche di sicurezza IT e pratiche proattive.

2 – Tecnologia Swarm. In poche parole si tratta di sistemi decentralizzati che utilizzano l’automazione come l’Intelligenza Artificiale, che agisce in modo simile ad uno sciame di insetti. Ma questa tecnologia, utlissima in tanti campi, come la medicina o i trasporti, può essere sfruttata per attaccare reti e dispositivi.

Gli “sciami di bot” specializzati, utilizzati a scopo malevolo, possono infiltrarsi in un network, attaccarne le vulnerabilità, sopraffarne le difese interne ed estrarne i dati. Quel che preoccupa è anche la loro capacità di colpire più più bersagli contemporaneamente.

3 – 5G. L’avvento del 5G può fungere infine da “catalizzatore” per gli attacchi basati sul Swarm. Si è già parlato di come il suo avvento ponga nuove sfide alla Cyber Security in termini di attacchi di 5 generazione ma si deve anche prendere in considerazione come potrebbero essere vulnerabili anche agli attacchi informatici sostenuti da Stati stranieri.

4 – Gli attacchi sostenuti dagli Stati Stranieri. Ultimo ma non meno importante è un documento redatto dalla Commissione Ue e dall’Agenzia europea per la cybersicurezza (Enisa). Il documento mette in guardia contro il rischio di consegnare la realizzazione di infrastrutture della telefonia mobile nelle mani di aziende legate a governi non democratici e poco affidabili (implicito il riferimento a società straniere come Huawei).

andrea biraghi, attacchi informatici, attacchi informatici mappa, cyber security notizie, sicurezza informatica

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Social