Leonardo Finmeccanica e NATO: guerra agli hacker

Pillole sulla collaborazione tra Leonardo Finmeccanica e NATO in materia di Cyber Security. 

Guerra agli hacker

Il nuovo accordo firmato da Leonardo-Finmeccanica con la“NCIA” (NATO Communication and Information Agency), agenzia della Nato, prevede l’estensione — per ulteriori 18 mesi — dei servizi di protezione informatica per l’Alleanza Atlantica e il supporto dell’Alleanza nello svolgimento della propria missione.

L’accordo “NCIRC — CSSS” (NATO Security Incident Response Capability — Cyber Security Support Services), riguarda le attività di sicurezza cibernetica erogate da Leonardo (ex Finmeccanica) nell’ambito del programma NCIRC — FOC (Full Operational Capability). 

Tutti i particolari dell’accordo su StartMagazine

Leonardo Finmeccanica: al via i centri d’addestramento

In materia di Difesa e Sicurezza la Cyber Security diventa sempre di più un’arma strategica e Leonardo sta lavorando ad un vero e proprio “poligono virtuale” in campo informatico (IT), il primo cyber range italiano per la Difesa e per gestire le infrastrutture critiche: i possibili scenari vengono virtualizzati per sviluppare strategie e componenti di difesa con l’intelligenza artificiale (AI). 

Il centro, che trova collocazione nella scuola di telecomunicazioni della Difesa ha l’obiettivo di addestrare i cyber-soldati “ricreando in un perimetro chiuso e sicuro scenari di minacce hacker”: un vero e proprio centro di addestramento dove verranno insegnate anche le tecniche di attacco. 

“La guerra elettronica e quella cyber stanno convergendo” ha affermato Francesco Vestito, a capo del Cioc.

Continua a leggere su Wired

La NATO si prepara alla Cyber Guerra? 

L’obiettivo della NATO è preparare l’Alleanza atlantica alla risposta di un attacco esterno e alla sfida — in questo caso — di mantenere attivi i servizi e difendere le reti vittime delle intrusioni. La squadra che ci lavora è stata formata dalla Ncia e conta rappresentati di diversi paesi, Stati membri dell’Alleanza, come anche Turchia, Norvegia, Croazia, Romania, Bulgaria e Slovenia.

Lo scenario dei conflitti nel cyber spazio è stato riconosciuto al Summit di Varsasi del 2016 come quinto dominio operativo al pari di aria, mare, terra e spazio extratmosferico. 

Leggi l’articolo su AirPress

Il cyberspazio “dominio delle operazioni”? Al vertice di Varsavia il cyberspazio è stato riconosciuto come “un dominio di operazioni in cui la NATO deve difendersi con la stessa efficacia che ha in volo, a terra e in mare”: il cyberspazio quindi sarà uno dei luoghi dove la NATO svilupperà le tecniche di difesa. È stata evidenziata anche la cooperazione NATO-UE in materia di sicurezza e difesa informatica.

andrea biraghi, cyber security, cyber security leonardo, cyber warfare, guerra informatica, leonardo finmeccanica, leonardo nato, poligono informatico, sicurezza informatica

Comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Social