Cyber Security: Italia sotto assedio dei malware

Mentre il settore della Cyber Security in Italia sta affrontando un grosso cambiamento le minacce si verificano giorno per giorno. 

Secondo il Report “Evasive Threats, Pervasive Effects” di Trend Micro Research l’Italia è il quarto paese al mondo a trovarsi sotto assedio delle cyber minacce dopo Stati Uniti, Giappone e Francia: malware e ransomware sono le minacce più frequenti. Anche se il malware rimane il tipo più comune di attacco informatico, è seguito da attacchi DDos e Defacement e da attacchi come Phishing, Social Engineering (Ingengneria Sociale) e SQLi. 

I cyber criminali colpiscono Istituzioni internazionali, governi, grandi e piccole aziende e proteggere i propri sistemi IT è diventato essenziale: ma oltre ad essere una minaccia, gli attacchi informatici rappresentano anche un costo che le aziende devono prevedere con certezza e non resta chiaro a chi denunciare l’attacco quando accade e come deciderne la gravità.

Le statistiche relative al 2019 e pubblicate da CORCOM parlano di 9.336.995 malware intercettati nella prima metà del 2019, 225.602.240 minacce via mail, 3.886.272 Url maligni, 12.660 app maligne. Il cyber crime sembra essere fuori controllo : le Nazioni Unite stimano che l’80 percento dei cyber crimini siano da attribuire a organizzazioni criminali altamente organizzate e sofisticate. Ad oggi, il fenomeno rappresenta una delle economie illegali più grandi al mondo, con un fatturato di circa 445 miliardi di dollari (445 miliardi di dollari è una cifra superiore al PIL di 160 nazioni!).

Intanto in materia di sicurezza informatica il nuovo perimetro di sicurezza nazionale cibernetica impone di rimboccarsi le maniche per ridurre i rischi: entro fine gennaio 2020, quindi, sarà tracciato il perimetro. E chi si troverà all’interno, avrà un anno di tempo per spiegare come intende difendersi dai rischi.

Security Italia: i malware che hanno fatto più vittime

Cyber Security: Italia in preda ai malware.

Gootkit: malware a tema ministeriale o legale che passa attraverso la posta elettronica certificata (PEC) con lo scopo di rubare dati riservati; Gootkit ruba le credenziali, token di sicurezza, chiavi di cifratura e intercetta il traffico web ed è il trojan più efficace in ambito bancario.

SLoad: questo malware ha la capaicità di restare nascosto ai sistemi antivirus per molto tempo. Grazie a SLoad vengono attaccati dati, vengono installati altri impianti malevoli con lo scopo di catturare informzioni sul sistema e portare a termine frodi e ricatti.

Danabot, diffusosi tramite una campagna di pishing, è uno dei più pericolosi: manipolando la navigazione è in grado di intercettare login e sessioni di portali e siti di home banking e crypto exchanges cmprese le piattaforme di trading per le criptovalute.

Zeus|Panda: malware in grado di compiere attacchi man-in-the-browser e diffuso tramite un allegato con estensione .doc o .xls, che attacca con l’invio di false fatture con lo scopo di trafugare le password. Zeus modifica così la navigazione sui siti web di home banking trafugando dati ed informazioni.

Da dove proviene veramente il Cyber crimine?

“I cattivi si intrufolano, rubano le vostre credenziali, e le usano per rubare i vostri soldi. Sembra terribile, ma la realtà è che nell’industria della sicurezza, questo tipo di attacco è quasi all’ordine del giorno [..] Come facciamo a fermare questo fenomeno? Non potremmo essere in grado di identificare i responsabili. Ricordate, operano sotto anonimato e fuori dalla portata della legge. Sicuramente non riusciremmo a perseguire i criminali. Suggerirei che abbiamo bisogno di un approccio completamente nuovo. Questo approccio deve essere basato sull’idea che dobbiamo cambiare l’economia dei cattivi.[Caleb Barlow]

Da dove proviene il Cyber Crime? Caleb Barlow, Chief Executive Officer at CynergisTek, racconta una storia interessante sulle tracce di un trojan bancario abbastanza comune ma sofisticato, chiamato Dyre Wolf. 

Where is cybercrime really coming from? | Caleb Barlow

cyber crime, cyber security italia, malware italia, ransomware

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Social